Cos'è Nfc - life safety code By Flink GN

Vai ai contenuti


NFC cos'è come funziona e a che cosa serve

NFC è una tecnologia per la comunicazione a corto raggio che trova la sua applicazione più comune nell'ambito dei pagamenti elettronici. Cos'è NFC, come funziona e quali sono gli altri possibili utilizzi.

Fino a qualche tempo fa solamente gli smartphone top di gamma integravano un chip NFC. Adesso, invece, è possibile trovarlo integrato anche nei dispositivi mobili di fascia medio-alta. Ma cos'è NFC e a cosa serve?

NFC, acronimo di near-field communication, è una tecnologia che fornisce connettività senza fili a corto raggio (10 centimetri) e che è stata sviluppata congiuntamente da Philips, LG, Sony, Samsung e Nokia.
Se si tratta di comunicazione di prossimità come avviene nel caso di Bluetooth, per giunga con un raggio di copertura inferiore, quali vantaggi porta con sé NFC?

Iniziamo subito col dire che NFC non nasce dal nulla ma è l'evoluzione della ben nota tecnologia di identificazione e comunicazione contactless RFID. Quest'ultima era ed è utilizzata soprattutto in ambito industriale come un'etichetta elettronica, per fornire informazioni su oggetti e animali. Mentre però RFID funziona "a senso unico", NFC permette di stabilire uno scambio di dati bidirezionale.

Tramite NFC si possono quindi sincronizzare velocemente i dati tra due dispositivi, anche completamente differenti l'uno dall'altro (viene stabilita una rete peer to peer).
Ricorrendo al proprio dispositivo mobile compatibile NFC si possono gestire con estrema facilità i pagamenti contactless: lo smartphone si trasforma in una sorta di borsellino elettrico e - previa installazione di un'apposita app - è possibile effettuare una transazione semplicemente avvicinando il telefono al POS dell'esercente.

NFC, impone che i due dispositivi siano fisicamente posizionati a brevissima distanza: così è possibile ridurre in maniera significativa i consumi energetici e fare in modo che i dati siano trasmessi da e verso un dispositivo posizionato nelle immediate vicinanze. Si pensi al caso dei pagamenti elettronici: con NFC lo smartphone dell'utente pagante deve trovarsi davanti al POS altrimenti la transazione e il conseguente addebito non potranno andare a buon fine. Per motivi di sicurezza la distanza alla quale di devono trovare i due device viene di solito ridotta a meno di 4 centimetri.

Come verificare se lo smartphone supporta NFC
Il modo migliore per controllare se il proprio smartphone dispone di un chip NFC integrato è controllarne le specifiche.
Sui dispositivi Android basta comunque accedere alle impostazioni del sistema operativo quindi digitare NFC nella casella di ricerca in alto.
Di solito, comunque, i riferimenti a NFC si trovano nella sezione Wireless e reti o Rete e Internet.
Per attivare il chip NFC basta toccare la corrispondente opzione: "Consenti lo scambio di dati quando il telefono tocca un altro dispositivo".
shop
Aiutaci ad Aiutarti opportunity:
Il programma "un mondo in sicurezza" che ti premia ad ogni life safety code attivat0
Torna ai contenuti